Twitter | Search | |
Andrea Stroppa 🇮🇹
Ho lavorato a questa inchiesta con portando alla luce uno dei network italiani più grandi di disinformazione politica. Questo network può raggiungere milioni di italiani ogni giorno. Il dramma è che non è l’unico, presto nuovi
The network sheds light on the overlap between the fringe underbelly of the Catholic world, Italy’s nationalist movements, and for-profit clickbait.
BuzzFeed UK BuzzFeed UK @BuzzFeedUK
Reply Retweet Like More
Andrea Stroppa 🇮🇹 Nov 21
Replying to @BuzzFeed
A pochi mesi dalle elezioni questi network stanno quotidianamente spingendo specifiche agende politiche a milioni di italiani. Che sia chiaro, i problemi sono reali: crisi economia, sociale, giustizia, immigrazione, ma vengono spinti in modo da influenzare le idee delle persone
Reply Retweet Like
Andrea Stroppa 🇮🇹 Nov 21
Replying to @Andst7
Le istituzioni e le aziende tecnologiche devono approfondire. Comprendo che siamo in Italia di fronte a scenari totalmente nuovi, ma le elezioni devono essere libere e senza condizionamenti. Sottovalutare questo fenomeno significherebbe non vigilare il processo democratico
Reply Retweet Like
Tucca Plozio Nov 21
Come arginarli? Idee?
Reply Retweet Like
Anna Masera Nov 21
Replying to @Andst7 @BuzzFeed
Bel lavoro
Reply Retweet Like
Pasquale Stirparo Nov 21
"Stroppa has advised former Italian PM Matteo Renzi on cybersecurity issues." Ma cos'e' sta cialtronata?Ti riferisci al fatto del tuo socio amico di SPERAVA di diventare "cyber consulente" del governo con la sua/vostra ?
Reply Retweet Like
Abate di Thélème Nov 21
a dire la verità il network mediatico ufficiale italiano è molto più vasto e spesso, molto spesso, opera altrettanta disinformazione. Essendo di gran lunga più risalente, avrei iniziato da lì.
Reply Retweet Like
BrindusaB Nov 21
Replying to @Andst7
Oggi come oggi ( e anche nel passato) NON esistono elezioni libere e senza condizionamenti.
Reply Retweet Like
Antonio Nicita Nov 21
Replying to @Andst7 @orfini and 2 others
importante segnalazione anche per il tavolo di autoregolamentazione che ha appena istituito con le piattaforme digitali per valorizzare le iniziative di contrasto di fenomeni e strategie di disinformazione on-line
Reply Retweet Like
Yoshiyuki Nov 22
la riprova è che nei sondaggi pre-voto le preoccupazioni degli italiani sono allineate ai titoloni dei giornali. berlusconi-bossi vinsero sulle paure per la nostra sicurezza e poi non fecero una, dico una, legge in quel senso ma nel frattempo la paura era cambiata ;-)
Reply Retweet Like
Stefano M. Trucco Nov 22
Insomma, sempre colpa di qualcun'altro, eh? La Rete è pura e santa e sempre vera, eh?
Reply Retweet Like
Andrea Stroppa 🇮🇹 Nov 22
Molto complicato. Tema da approfondire e che necessita riflessione. Intanto già parlarne mi sembra un buon inizio
Reply Retweet Like
ConteZero Nov 22
Si può creare un database "notizia - autore" da mettere embedded ? Le agenzie scrivono una notizia: aggiungono il token. Il giornalista trova una notizia sua: mette il token nel database. Io leggo l'articolo: c'è il token e risalgo alla notizia ed all'autore. Se mente, lo becchi.
Reply Retweet Like
ConteZero Nov 22
...se invece citi una notizia terza metti il token della notizia originaria, così puoi risalire alla fonte.
Reply Retweet Like
Abate di Thélème Nov 22
no. La rete é esattamente come il resto. Ma chi é senza peccato scagli la prima pietra.
Reply Retweet Like
Abate di Thélème Nov 22
fermo restando che la carenza o assenza di lucratività un suo significato ce l'ha.
Reply Retweet Like
Stefano M. Trucco Nov 22
Ce l'avevate venduta come la salvezza, il "regno della verità".
Reply Retweet Like
Stefano M. Trucco Nov 22
Quanto al disastro provocato dal fatto che "free" voglia dire sia libero che gratis ci vorrebbe un libro bello lungo.
Reply Retweet Like
Abate di Thélème Nov 22
io non vendo, regalo :)
Reply Retweet Like
Abate di Thélème Nov 22
sicuramente più dell'hired. Ad ogni modo non é una gara fra sublimi perfezioni.
Reply Retweet Like