Twitter | Search | |
Alessandro Robecchi
Giornali. Tv. Libri. Teatro. Satira. “Se proprio devi dire la verità, dilla in modo divertente, quelli che fanno ridere verranno risparmiati” (Billy Wilder)
15,962
Tweets
822
Following
32,452
Followers
Tweets
Alessandro Robecchi 6h
Un Dylan in stato di grazia, Joan Baez, Allen Ginsberg... la Rolling Thunder Revue fu un circo clamoroso. Il film di Scorsese guardatelo, fatevi un regalo, (c’è una versione di “A hard rain gonna fall” che da sola vale tutto, e molto altro)
Reply Retweet Like
Alessandro Robecchi Jun 16
“Questo non è giornalismo di rinnovamento” (cit)
Reply Retweet Like
Alessandro Robecchi Jun 15
Cagliari! Arrivo!
Reply Retweet Like
Alessandro Robecchi Jun 15
Replying to @SandroVeronesi
Rapidi ed invisibili
Reply Retweet Like
Alessandro Robecchi Jun 15
Se un infermiere si autosospende dall’ospedale, poi manca un infermiere. Vale per qualunque ruolo o funzione, dal ministro al fattorino. Ma se uno che non ha cariche si autosospende da un partito che succede? Non va... dove? Non fa... cosa? Si alza più tardi? Molto cinema?
Reply Retweet Like
Alessandro Robecchi Jun 13
Giusto. Sono sei milioni di voti che cercano qualcosa di meglio. Molti sono quelli scappati dal Pd renziano. Intendete parlargli, capirli, sentire cosa vogliono, o secondo lei è meglio continuare a dirgli che puzzano, sbagliano i congiuntivi e stanno “sul divano”?
Reply Retweet Like
Alessandro Robecchi Jun 13
Replying to @LaIsaRinaldi
Ahahah! Glielo dirò appena lo vedo. Gli farà piacere, credo
Reply Retweet Like
Alessandro Robecchi Jun 13
Popolo sardo! A , a Cagliari, venerdí 21 giugno (piazza Garibaldi ore 23) Reading/Concerto da “I tempi nuovi”, con Elio Turno Arthemalle e Armeria dei Briganti. Sabato 22 (piazza S. domenico ore 19) presentazione con
Reply Retweet Like
Alessandro Robecchi Jun 13
Co’ ‘na mano sola!
Reply Retweet Like
Alessandro Robecchi Jun 13
Replying to @fdonelli @straditeresa
Ho capito, certo. Credo che tra le cause di questa situazione ci siano “sinistre” molto succubi al grande capitale e poco attente al lavoro. Gente, insomma, che vede Amazon dalla parte di Bezos e non dalla parte dei lavoratori. Questo si paga. Non solo questo, certo, ma si paga
Reply Retweet Like
Alessandro Robecchi Jun 13
Replying to @fdonelli @straditeresa
Ogni situazione è diversa, ovviamente. Ma se mi sta dicendo che il “meno peggio” produce il peggio, mi trova perfettamente d’accordo e lo dico e lo scrivo da tempo. Per quanto riguarda l’Italia è stato certamente così (il caso Minniti ne è esempio perfetto)
Reply Retweet Like
Alessandro Robecchi Jun 13
Replying to @NestSilvia @cabboto72
Ma vedo che prevalgono gli insulti, il che mi conferma che, a parte minime differenze di vocabolario, la distanza tra renzisti e grillini è minima
Reply Retweet Like
Alessandro Robecchi Jun 13
Replying to @NestSilvia @cabboto72
Gli operai di Terni sono solo un caso. Se metti tanti casi in fila succede questo: sei milioni di persone che ti hanno votato nel 2014 (quando non avevi fatto niente ma eri una bella speranza) non ti rivotano nel 2018 (quando hai fatto tanto, purtroppo, e sei l’ultima delusione)
Reply Retweet Like
Alessandro Robecchi Jun 13
Replying to @straditeresa @lau67to
Dal “ce ne faremo una ragione” al “vaffanculo”, dal “gufo rosicone” a “bacioni”, la differenza è minima. È sempre il linguaggio di un potete ottuso e stupido, che tratta i suoi elettori, e anche gli altri, come scolaretti scemi. È un potere povero di parole, di idee, di tutto
Reply Retweet Like
Alessandro Robecchi Jun 13
Replying to @luigipellicioli
Io ho contribuito a portare al potere qualcuno? Cazzo, che potenza! Pensavo fosse un fesso che ha perso sei milioni di voti, la delusione degli elettori per le sue politiche... invece sono stato io. Ora mi scusi, devo andare a attaccare la Kamchatka
Reply Retweet Like
Alessandro Robecchi Jun 13
Replying to @lau67to @straditeresa
Spiacevole che non abbia capito la citazione. “Fatevene una ragione” e “Ce ne faremo una ragione” sono stati (in forma di : “cazzi vostri” e “me ne frego”) ricorrenti refrain dell’era renzista. Era, diciamo, un omaggio al linguaggio del capetto dell’epoca
Reply Retweet Like
Alessandro Robecchi Jun 13
Guardi, lo dica a Bersani. Quanto a difendere come illuminato statista uno che ha portato al disastro un partito, seminato disgrazie, politicamente responsabile della situazione attuale, beh, mai vista una cosa simile. Ah, sì, ricorda il vecchio gioco dei Lemmings? Ecco, quello
Reply Retweet Like
Alessandro Robecchi Jun 13
Replying to @NestSilvia @cabboto72
Certo, l’articolo 18, oppure gli operai di Terni bastonati in piazza nel 2014 (governo Renzi). Vada a vedere quanto voti ha preso, dopo, il Pd a Terni. Se li picchi quando li licenziano, tendono a non votarti più, questo lo capisce? O è Cairo? O l’Espresso? Gomblotto! Gomblotto!
Reply Retweet Like
Alessandro Robecchi Jun 13
Replying to @NestSilvia @cabboto72
Ah, le renzinettes! Che tenerezza!
Reply Retweet Like
Alessandro Robecchi Jun 13
Replying to @NestSilvia @cabboto72
Ah. Il gruppo Espresso! Cairo! Le cavallette! Il terremoto! Oppure: le sue politiche facevano schifo, il reddito degli italiani è calato del 4% (dal 2013 al 2017), si sono svenduti diritti. Risultato: 6 (sei) milioni di voti persi. Lei preferisce il gomblotto, è molto grillina!
Reply Retweet Like